Lambrooklyn di Mico Argirò

L’estate è ormai agli sgoccioli, l’autunno sta per tornare e torna anche Mico Argirò, con un nuovo singolo, dopo le collaborazione con Pietra Montecorvino e Andrea Tartaglia“Lambrooklyn”, «una canzone piena di sintetizzatori, arpeggiatori, beat; però c’è ancora una presenza marcata delle chitarre e dei cori. Nonostante il tema, c’è energia: c’è tutta la voglia di ballare, di esplodere»

Il TG1 da non ascoltare, Bowie, Milano in lockdown, il rifiuto di vivere per lavorare, il vino, l’assenza forzata di qualcuno, le passeggiate notturne illegali.

Lambrooklyn è il nuovo brano del cantautore Mico Argirò.

«È una canzone piena di sintetizzatori, arpeggiatori, beat; però c’è ancora una presenza marcata delle chitarre e dei cori. Nonostante il tema, c’è energia: c’è tutta la voglia di ballare, di esplodere»

Un brano che nasce dall’insofferenza del costringimento nelle mura domestiche della quarantena e la voglia di ribellarsi alle imposizioni.

Dopo le collaborazioni con Pietra Montecorvino (“Hijab”) e quella con Tartaglia Aneuro (“Le canzoni divertenti”), Mico Argirò torna con un nuovo brano di protesta, fra chitarre acustiche ed elettronica: Lambrooklyn, gioco di parole, sincrasi fra il quartiere milanese Lambrate e quello newyorkese, Brooklyn.

«Lambrooklyn racconta in maniera laterale il mio secondo costringimento in casa; che poi per me non lo è stato davvero, perché mal sopporto le imposizioni. Il titolo è un gioco di parole con un quartiere di Milano: l’idea mi è venuta da un murales visto in una notte di zona rossa. Milano è centrale in questa canzone (e lo sarà tantissimo anche nel video), perché è dove ho passato quei giorni di “clausura”. Questa città è stata uno scenario davvero suggestivo in quel periodo: lo svuotamento, le ipocrisie, le mie passeggiate notturne a Lambrate e a Loreto, le regole alle quali non mi attengo e le paure naturali. Ci sono tutti i pensieri del momento, la mia visione sul presente e il desiderio di qualcosa che scompigli la situazione, un’esplosione rosa».

Lambrooklyn è un concentrato di pensieri ed emozioni accumulati durante il periodo di lockdown e sputati fuori da Mico Argirò con veemenza, irriverenza lontana dal politically correct e da qualsiasi tipo di allineamento di pensiero.

«Concettualmente, il testo si concentra su delle scene, soprattutto emotive: c’è il TG1 da non ascoltare, c’è il vino, c’è il rifiuto di vivere per lavorare e c’è il desiderio dell’esplosione nella stanza, c’è Bowie, c’è l’assenza forzata di qualcuno, le strade notturne che si svuotano… sto continuando su una visione irriverente e fuori schema del presente, molto personale; magari anche criticabile, ma non mi importa. Ho voluto raccontare una mia versione della cosa, senza insistere sul virus, ma dal mio punto di vista, soprattutto emotivo. Ho scoperto che questo punto di vista mi accomuna a tanti, costretti da un periodo terribile, forzatamente lontani dagli affetti e lesi nella propria libertà personale e mentale».

Dal punto di vita musicale, il brano rientra a tutti gli effetti all’interno i quello che è il nuovo percorso artistico di Mico Argirò il quale, da sonorità cantautorali più classiche, in bilico fra la lezione degli chansonnier e la patchanka, ha intrapreso progressivamente un discorso di sperimentazione verso forme più vicine all’elettronica, senza abbandonare la matrice cantautorale.

«Lambrooklyn segue la scia delle cose che sto facendo attualmente: suoni elettronici ed acustici che si miscelano. È una canzone piena di sintetizzatori, arpeggiatori, beat; però c’è ancora una presenza marcata delle chitarre e dei cori. Nonostante il tema, c’è energia: c’è tutta la voglia di ballare, di esplodere.»

Interamente suonato dallo stesso Mico Argirò, Lambrooklyn si avvale della collaborazione di comecarbone ai cori, mentre registrazioni, mix e master sono stati realizzati da Ivan Malzone per il Ramingo Itinerant Studio.

La copertina del singolo è un’opera dell’artista brasiliana Iara Carvalho intitolata Pink Explosion, concessa per la canzone vista la straordinaria sintonia.




Nightmare Cinema di registi vari

Nightmare Cinema di registi vari (Usa/2018)
Durata: 119′ Genere: Orrore

Cinque spettatori si ritrovano in un cinema dove uno strano proiezionista propone a questi cinque corti terrificanti riguardanti le loro paure…

Film a episodi (uno dei quali diretto da Joe Dante) che sembra riprendere la  struttura dei vari Ai confini della realtà e Creepshow con episodi gustosi anche se dal sapore retrò e comunque in grado di dimostrare che la vecchia scuola è sempre valida. Tra gli episodi piu interessanti segnaliamo quello onirico di David Slade mentre tipicamente da ragazzacci quelli splatter di Alejandro Brugues e Mick Garris. Nel cast un ottimo Mickey Rourke nel ruolo del proiezionista.

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/




Il labirinto dei rifiuti di Ivo Gazzarrini

La Redazione GHoST segnala Il labirinto dei rifiuti, l’ebook horror di Ivo Gazzarrini edito da Nero Pres Edizioni.

Gianni lavora in una ditta di recupero crediti e, quando il suo capo gli assegna un incarico “impossibile”, non può tirarsi indietro. Dovrà avventurarsi tra i boschi e reclamare il dovuto dal signor Ramini, che ha accumulato un debito ingente. Ma la casa si rivelerà un immondezzaio pieno di insidie. E lui non si trova lì per caso…

Ivo Gazzarrini vive a Ponte a Egola (Pisa).
Ha pubblicato l’antologia horror Il Male Intorno (self 2012), il saggio Bruno Mattei – l’ultimo artigiano scritto insieme a Gordiano Lupi (Il Foglio edizioni, 2013), l’ebook Non sono morto (self 2014), l’ebook Esistenze una storia di realtà parallele violenta e splatter (self, Bloodword, 2014), il romanzo breve Delirium (Dunwich edizioni, 2015), l’antologia horror Lo strano colore del buio (self, Bloodword, 2017), l’ebook e cartaceo racconto lungo Agorafobia (self, Bloodword, 2020).
Vari racconti in diverse antologie fra cui il racconto Punti su cui riflettere nell’antologia Occidente Sole (Serarcangeli editrice 2001), L’opera di Farinetti nell’antologia Tributo a Lovecraft (Magnetica edizioni 2006), Day Z nell’ebook Racconti da paura (Libro Aperto edizioni 2013), Halloween rosso sangue in Halloween all’italiana (CIESSE edizioni 2013), Colpo di genio in La Serra Trema (Dunwich edizioni, 2014). I racconti brevi Anomalie, L’albero di Natale e Babbo Natale bugiardo nell’antologia Schegge per un Natale Horror 2014 (Letteratura Horror, 2014).
Con il racconto Questione di polsi è arrivato terzo al “Premio Halloween all’italiana 2015”.
Selezionato al premio “Racconti horror 2018” e pubblicazione del racconto Soluzione suicida nell’antologia Racconti horror, Historica edizioni
Per il cinema ho scritto le sceneggiature dei film Bad Brains, Nympha e Colour from the dark tutti per la regia di Ivan Zuccon, distribuiti in Italia in dvd dalla Home Movies.

IL LABIRINTO DEI RIFIUTI
Autore: Ivo Gazzarrini
Editore: Nero Press Edizioni
Collana: Insonnia
Isbn: 9788885497603
Prezzo: € 0,99
Formato: Tutti i formati digitali
Pagine: 48 




Lake noir di Jeffrey Schneider

Lake noir di Jeffrey Schneider (Usa/2013)
Durata: 99′ Genere: Orrore

Un gruppo di amici in gita presso un lago sperduto scoprono persto il suo oscuro passato scontrandosi con i violenti residenti…

Primo lungometraggio di un regista-produttore ben concepito malgrado il tema risaputo, che  Schneider dimostra di conoscere alla perfezione, in grado di spaventare più di una volta, soprattutto nelle sequenze notturne; come dire che non sempre un budget limitato è una scusa per girare pessimi film. Un buon esempio di cinema indie. È nel catalogo Brain Damage.

Trailer: https://youtu.be/1OKke7dLoPo

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/




Liminal dei Safir Nou

La Redazione GHoST segnala la disponibilità su tutti i digital stores del nuovo lavoro del progetto sardo Safir Nou, fra elettronica, world music e jazz.
Il doppio album sarà poi disponibile in formato fisico su cd da fine Settembre / inizio Ottobre, prodotto da Seahorse Recordings e distribuito da Audioglobe.

Liminal è frutto di una ricerca costante e di raccolta di materiali durata 4 anni, attraverso viaggi, letture, esperienze e studio dell’autore Antonio Firinu. Se Groundless, il primo disco di Safir Nou, era un lavoro intimo, che voleva esprime il concetto di sospensione tra il cielo e la terra, di riflessione e osservazione del paesaggio, Liminal, risulta invece un lavoro che nasce dalla terra, si radica nel mondo circostante e ne prende le forme. Le composizioni sono più corali e frutto di un nuovo approccio compositivo pensato per la band.Liminal è un concetto applicabile a diversi campi della conoscenza, dalla psicologia (liminal thinking), all’antropologia, se non anche all’architettura e alla filosofia. In architettura è uno spazio interstiziale che si trova tra due porte, una di uscita da un luogo, e una di entrata in un altro luogo. E’ quindi una dimensione intermedia tra due stati ben precisi ma indipendente da essi. La nozione di “liminalità” rimanda a un testo del 1909 dell’antropologo Arnold van Gennep sui riti di passaggio. Impegnato nello studio sistematico delle pratiche rituali, l’autore ne individua le forme specifiche e coglie una dinamica invariante nello strutturarsi dei riti di passaggio. Nella sostanza, si danno nel rito di passaggio due soglie, due limiti che segnano l’uscita da uno stato e l’ingresso nel successivo, e uno spazio liminale, un margine in cui il protagonista del rito vive una doppia sospensione.  Ecco che prende quindi forma la condizione umana dell’essere tra il “non più” e il “non ancora”. Safir Nou riprende tale concetto per descrivere una dimensione di passaggio. L’essere sospeso tra un’identità precedente e un identità futura, la ricerca di una condizione altra,  un sentimento non risolto, una parola non detta, il viaggio, la migrazione. Tutto questo è Liminal. L’ultimo anno segnato dalla pandemia, il lockdown, la distanziamento sociale, la pausa infinita della condivisione e della convivialità artistica e culturale, l’impossibilità di potersi esprimere artisticamente, o di fruire della musica dal vivo, ha portato gli artisti a riflettere su quale fosse il senso di tutto questo per l’uomo, in prospettiva di cambiamento, e in direzione di una porta d’uscita.  Tuttavia, tale condizione può aver contribuito, da un’altra prospettiva, a rivalutare se stessi, ad ascoltare di più il proprio corpo, il proprio respiro, il rumore dei pensieri che ci attraversano, i suoni che ci circondano. Le persone. Gli alberi. I sogni. I viaggi immaginari, curati nei dettagli. Così nel periodo di composizione e produzione del nuovo lavoro, l’aggettivo LIMINALE è quello che ha preso forma più frequentemente nella mente dell’autore nel tentativo di dare un senso alle esperienze e al tempo. Così vengono concepiti due viaggi musicali incisi in un doppio disco che riflettono, affrontano e descrivono proprio la dimensione Liminale. Si tratta di due capitoli diversi ciascuno composto da 6 brani, Waves e Sands, due aspetti dello stesso concetto, ma che entrambi esprimono il concetto di viaggio liminale, di sospensione e di spazio dell’intermezzo.

Capitolo 1 Waves racconta il mare quale dimensione liminale. E’ liberamente ispirato al romanzo “Marinai Perduti” di Jean Claude Izzo. I marinai, assettati di avventura, si trovano intrappolati per lungo tempo nel porto di Marsiglia, e la narrazione si dispiega attraverso i loro racconti il cui tema principale è la libertà. Qui il mare diventa un rituale, un grembo che accoglie uno stato di piena libertà ma allo stesso tempo di abbandono e lontananza, uno spazio interstiziale senza meta. Questo capitolo racconta la costante ricerca della libertà, della dimensione di sospensione dell’essere, tra le onde, lungo un ambiente di passaggio. Come le onde, la musica accompagna il viaggio su ritmi costanti, delle volte cullanti, altre volte più incalzanti. La musica dipinge costantemente tonalità di blu, lungo un continuo sviluppo di armonie, melodie e ritmiche che descrivono uno stato di sospensione costruito sugli scambi di chitarra classica, percussioni, contrabbasso, violino, violoncello, fisarmonica e sonarità elettroniche.  Il disco si dispiega su sei brani: Port X, luogo immaginario di partenza verso il mare aperto (luogo non troppo immaginario, poiché il nome è anche anagramma di Portixeddu – borgo di pescatori nel Sud-Ovest della Sardegna, luogo di residenza dell’autore); Liminal Sail, il cui sviluppo ritmico ricorda il ritmo costante delle onde; Escape, che racconta il travaglio, la perdizione, la fuga; Reflections, momento del disco più intimo e sospeso in cui ci si lascia andare al cullare del ritmo delle onde; Shine, momento di luce e speranza; Almoust Home, il desiderio (latente o fugace) del ritorno a casa.

Capitolo 2 Sands racconta il deserto quale dimensione liminale. E’ liberamente ispirato al romanzo biografico “Il deserto non ha cielo” di Lamine Ceesay, che documenta il viaggio di un migrante dal Gambia all’Italia, ma è anche un tentativo di raccontare il coraggio, la fuga, la speranza di tutti i migranti. L’essere “non più” e contemporaneamente “non ancora” è ontologicamente una condizione di liminalità per il migrante. In questo caso, il viaggio è spinto dalla speranza, dalla ricerca di una condizione altra, per una meta incerta e non chiara.  Il disco è composto da 6 brani che non seguono una narrazione lineare, piuttosto descrivono immagini, sensazioni, stati d’animo e luoghi di migranti. La musica dipinge tonalità di giallo, è arida, psichedelica, a tratti malinconica, a tratti incalzata da ritmi di danza propiziatoria. Il disco prende forma e si sviluppa a partire dal suono del vento e della sabbia che si fondono fino a creare ritmo e armonia. Descrive dei luoghi ben precisi e si ispira alle musiche che nascono proprio in nei luoghi che intitolano i brani. Così si sentono riecheggiare modalità sonore ispirate al blues del deserto, alla musica tradizionale del popolo nomade dei Tuareg, ma anche musiche del mediterraneo, tutto però costantemente sorretto da un senso di sospensione, di attesa, di fatica e di speranza. Il disco inizia con Desert Walk che ci proietta in un ambientazione sonora arida e ipnotica; Sahel ci porta nel deserto sahariano, quella fascia geografica straziata dalle guerre e dai conflitti religiosi; prosegue con Arenas che in sardo significa sabbie, ma è anche un luogo, un villaggio minerario abbandonato nei monti del Sud ovest della Sardegna, nel quale la dimensione di passaggio viene declinata in una danza alimentata dalla forza vitale della natura; The way to Lampedusa è il brano che esplicitamente descrive il viaggio migratorio, scandito da voci e sospiri e da un crescendo ritmico che sottolinea la fatica e la speranza dei migranti; Sandstorm ci proietta all’interno di una tempesta sonora dai colori acustici e elettronici; infine Hotel Tindouf è dedicata ai migranti di etnia Saharawi che si trovano nel campo nomadi Tindouf esistente da 40 anni nel sud dell’Algeria, fuggiti dalle loro terre dopo l’invasione Marocchina nel Sahara sud-occidentale, separati da esse da un confine tracciato da mine antiuomo e controllato dall’esercito marocchino.

Tutti i brani sono composti da Antonio Firinu.

Safir Nou band: Antonio Firinu: Chitarra classica, acustica e elettrica, fisarmonica, synth, composizioni; Ivana Busu: Synth, elettronica, fisarmonica; Sergio Tifu: Violino; Andrea Lai: Basso elettrico e contrabbasso; Antonio Pinna: Batteria.

Recording, mixing e mastering: William Cuccu – Sonusville, Siliqua (CA). Artwork: Alberto Spada.

Ospiti: Matteo Leone: Calabash, Mondòl, frame drum in Desert walk, Hotel Tindouf, Arenas;Yaacob Gonzalez Garcia: Rabab e Kemenche in The way to Lampedusa;Gianluca Pischedda: Violoncello in Port X, Liminal Sail, Reflections, Almoust home, Sahel;Andrea Sanna: Rhodes in Escape, Hotel Tindouf;Marco Caredda: Vibrafono in Reflections, Shine, Almoust home;Marco Pittau: Kalimba in Desert Walk, Sahel, Hotel Tindouf;

Si ringrazia per i consigli e il supporto artistico: Matteo Gallus e Riccardo ArestiSi ringrazia per il supporto tecnico: Fabrizio Lai, Diego Soddu e Matteo Leone.

Il progetto Safir Nòu nasce nel 2017 da un’idea del chitarrista-fisarmonicista Antonio Firinu, che raccoglie nel Disco “Groundless” (2017 – Label Netlabel) una serie di composizioni strumentali di ispirazione cinematografica tra la musica da camera, il post rock e la e la world music.  Il disco ha avuto importanti riconoscimenti nelle riviste nazionali (Rockit, Rockol, Rockerilla, OndaRock, Babylon Radio 2) e blog internazionali.
Nel 2018 Esce il singolo “Sensory Overload” (MIS records) e nel dicembre 2019 il singolo “Drifting Effect”.
Ha collaborato con IOSONOUNCANE dove suona la chitarra classica nel disco “DIE”, e con Neri Marcorè per lo spettacolo-lettura su Cesare Pavese, dove sono protagoniste le musiche edite in Groundless.
La band oggi è attiva nel panorama nazionale e ha partecipato a diversi festival internazionali: Nora Jazz, European Jazz Expo, Waves festival, Calagonone Jazz, Pavese Festival, Summer is Mine.

Social media:Facebook: www.facebook.com/SafirNou

Instagram: www.instagram.com/safirnou_music

Spotify: https://open.spotify.com/artist/34UAiqsDI1nznJMslAjJGy?si=KS7RLdwaTgO61Cj1HzE7xw

Soundcloud: https://soundcloud.com/safirnou

Bandcamp: https://safirnou.bandcamp.com/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UChlnSwMNvTga8i0SCrw6WfQ