La Verità – il ciclo dell’eterna fine di Lamberto Cenicola

La Redazione GHoST segnala il romanzo di Lamberto Cenicola La Verità – il ciclo dell’eterna fine edito da Altromondo Editore. 
Un progetto alquanto ambizioso che dà carne all’ossatura di un thriller fantascientifico con contaminazioni lovecraftiane. In pratica, prendendo spunto da fatti realmente accaduti, l’autore ha costruito una trama romanzesca incentrata sui principali misteri della vita. 
Cavalcando teorie cosiddette di frontiera e non solo, i protagonisti giungeranno alla fine a una verità talmente sconcertante da far tremare le fondamenta del mondo. 
 
Descrizione:
Il ritrovamento di un arcaico testo porta a una scoperta così sensazionale da retrodatare la nascita della civiltà a molti millenni prima rispetto a quella assunta dalla dottrina ufficiale e che inquadrerebbe a circa seimila anni fa la formazione in Mesopotamia e nell’antico Egitto delle prime città-stato. Ma il vero mistero che gravita intorno al manoscritto si rivela poi essere non tanto la sua datazione, quanto piuttosto l’orribile verità che, una volta tradotto, avrebbe svelato. Una verità capace di far tremare da cima a fondo le fondamenta del mondo stesso. Nasce così il progetto Genesi, guidato dal professor Mario Bellini e dall’astrobiologa Giulia Ripamonti, impegnato in una corsa contro il tempo nella disperata ricerca dell’unico oggetto che possa fermare la terrificante carneficina che sta per abbattersi sull’intero genere umano…

La verità. Il ciclo dell’eterna fine
Autore: Lamberto Cenicola
Editore: Altromondo Editore
Collana: Mondo di fuori
Anno edizione: 2021
Pagine: 752 p., Brossura
ISBN: 9788833301792




Model Hunger di Debbie Rochon

Model Hunger di Debbie Rochon (Usa/2016)
Durata: 84′ Genere: Orrore

Modella in pensione Ginny si vendica contro donne giovani e carine…

Eccellente esordio alla regia di una bravissima attrice con un film decisamente sporco e cattivo malgrado la fotografia volutamente patinata che riesce anche a veicolare un messaggio non banale sull’estetica contemporanea e i suoi rischi. Merita la visione. Ottima Lynn Lowry nel ruolo principale.

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/




Malamore il nuovo singolo di Karto

“Malamore” è il nuovo singolo, del cantautore rock livornese KARTO, disponibile dal 15 ottobre 2021 su tutte le piattaforme digitali ed in rotazione radio, distribuito da (R)esisto. Registrato, mixato e masterizzato da Nicola Fantozzi al Level Mastering Studio di Bologna.

“Malamore”, è il rifacimento del brano scritto ed interpretato, nel 1977, dal cantautore romano Enzo Carella, tratto dall’album “Vocazione”, che riscosse un notevole successo radiofonico, viene oggi riproposto in chiave rock.Karto stravolge completamente la struttura del brano e introduce un nuovo arrangiamento che trasporta la canzone in sonorità underground, caratterizzate da un ritmo incessante, chitarre distorte e spigolose.Così il cantautore livornese presenta il nuovo singolo: è un brano che ho amato sin dal primo ascolto, in cui ho sempre avvertito l’energia del testo e della melodia e, contestualmente, il desiderio di spingere tale energia ancora più su. Per cui l’ho eseguito come lo sentivo io.

Chitarrista, cantante e compositore livornese, Giovanni F. Cartei, in arte KARTO, nel 2007 si trasferisce a Londra dove entra nel circuito musicale della city suonando la chitarra con diverse bands e, con la più significativa, The Hyenas, incide un EP “Whiskey and Blood” per l’etichetta indipendente londinese Big Trash Records. Nel 2008, sempre con The Hyenas si esibisce al celebre Wakestock Festival, nell’ Oxfordshire – UK, come opening act per il concerto dei Funeral For a Friend e di Mark Ronson.Dopo un tour in veste di chitarrista turnista negli USA, terminato nel 2010, torna a Londra e per l’anno a venire, nel 2011 pubblica, per l’etichetta londinese LC Recording, un singolo strumentale intitolato “Lonely Days”.Nel periodo seguente scrive, compone e registra, agli Scream Studios di Londra, il materiale da cui prenderanno forma i dieci brani racchiusi nel suo album d’esordio intitolato “Give Me My Rock’n’Roll Back”; album, peraltro, da lui quasi integralmente suonato e cantato in inglese, pubblicato, in Italia, nel 2016, da CRAMPS Music e distribuito da EDEL Italy.Nel Giugno del 2017 Virgin Radio Italia sceglie KARTO per farlo suonare, con la sua band, al MEDIMEX Festival di Bari come apertura al concerto della superstar americana IGGY POP nell’unica data italiana del suo Posto Depression Tour, dopo aver selezionato al primo posto, nella classifica dei brani di artisti italiani, il suo singolo “The Rocknrollest” estratto, appunto, dall’ album “Give Me My Rock’n’Roll Back”.Nella primavera del 2019, in sella alla sua Harley-Davidson, il rocker ha un gravissimo incidente stradale che lo costringe ad una lunga pausa forzata.Nel febbraio 2020 esce il suo primo singolo cantato in italiano, sempre da lui stesso scritto e composto, dal titolo “Guardami”, a cui segue, nel novembre dello stesso anno un altro singolo intitolato “Mi Faccio Te”, entrambi pubblicati da Materiali Musicali e distribuiti da (R)esisto Distribuzione.

Crediti brano: Voce, chitarre e basso: Karto – Testo e musica: Enzo Carella/Pasquale Panella – Arrangiamento: Karto. – Mixato e masterizzato da Nicola Fantozzi al Level Mastering Studio di Bologna. – Etichetta: Materiali Musicali – Distribuzione: (R)esisto

http://www.facebook.com/KartoMusic

http://www.instagram.com/KARTOMUSIC




VI Edizione di Poietika Art FestivalIn

La Redazione GHoST segnala la VI Edizione di Poietika Art Festival che si svolgerà dal 13 al 17 ottobre a Campobasso.

David Quammen, la prima italiana di Jessica BruderMatteo Pericoli, l’unica data italiana di Teresa Salgueiro, gli eventi per i 700 anni di Dante Alighieri, il focus sull’Afghanistan, l’omaggio a Gino Strada, i laboratori e molto altro: uno straordinario cartellone all’insegna del dialogo senza limiti geografici, culturali e temporali.

David Quammen, Jessica Bruder, Matteo Pericoli, Teresa Salgueiro, gli eventi per Dante Alighieri, il focus sull’Afghanistan, l’omaggio a Gino Strada, i laboratori e molto altro: uno straordinario cartellone all’insegna del dialogo senza limiti geografici, culturali e temporali. Dal 13 al 17 ottobre a Campobasso torna l’atteso Art Festival
Confini: la VI Edizione di Poietika

Dare corpo e virtù alla differenza

REGIONE MOLISE
e
FONDAZIONE MOLISE CULTURA

sono lieti di presentare:

POIETIKA

Confini

VI Edizione

Palazzo GIL
Via Milano, 15
Campobasso
Dal 13 al 17 ottobre 2021

Direzione artistica: Valentino Campo

«Non c’è nessun luogo che non ne contenga un altro, così come non c’è nessun confine che non offra un varco. Da questa suggestione prende vita la sesta edizione di Poietika che si terrà a Campobasso dal 13 al 17 ottobre negli spazi della Fondazione Molise Cultura. Cinque giorni durante i quali la parola “Confine” sarà declinata nelle sue varie e molteplici sfaccettature.  Dalla voce della letteratura al suono che la scandisce, dalla ricerca scientifica all’architettura, dai nuovi linguaggi digitali al disegno, dal giornalismo d’inchiesta alla poesia. Con una giornata – venerdì 15 ottobre – dedicata a Dante in occasione dei settecento anni dalla sua morte». Sono le parole di Valentino Campo, direttore artistico di Poietika, evocative, puntuali e perfette per introdurre il tema della VI Edizione della rassegna. Una VI Edizione tenacemente voluta dalla Fondazione Molise Cultura: «Dopo un anno complesso e, per tanti aspetti, doloroso, torna Poietika e torna con una riflessione sul tema del confine e dello sconfinamento – afferma Antonella Presutti, presidente della Fondazione Molise Cultura – riflessione che non può prescindere da quanto è accaduto, dalle limitazioni relazionali e spaziali che abbiamo affrontato, declinando, tuttavia, il concetto di confine in modo più ampio e articolato. L’attenzione all’attualità più cogente, pensiamo all’Afghanistan, e ad aspetti trasversali e metastorici ha da sempre caratterizzato Poietika. Questa volta il bisogno di “sconfinare”, appunto, è diventato ancora più urgente».

Poietika nasce nel 2015 come luogo di incontri, di conversazioni e dialoghi, tra il locale e il globale, tra il Molise e il mondo. Dopo cinque edizioni e ospiti straordinari (Steve McCurry, Adonis, Umberto Galimberti, Pupi Avati, Tahar Ben Jelloun, Antonio Moresco, Pino Bertelli, Ibrahim Nasrallah, Vito Mancuso, Vandana Shiva, Valerio Magrelli, Mariangela Gualtieri, Salvatore Natoli, Patrizia Valduga, Letizia Battaglia, Cristiano Godano e tanti altri). Valentino Campo continua: «Poietika ancora una volta tenta di aprire uno spiraglio sul mondo, e lo fa con il rigore etico e con lo sguardo terso che la contraddistinguono. Per questo ha scisso il termine “Confine” e ne ha macerato le sillabe per ricavarne il distillato primigenio e autentico. Non linea di delimitazione che marca un al di qua e un di là, ma margine di contatto e di condivisione con il limitrofo, l’affine, con il nostro simile. Gli argini cedono e l’uomo torna ad un “fine comune”, si affranca dagli steccati. Dà corpo e virtù alla differenza».

Poietika apre le sue porte mercoledì 13 ottobre con David Quammen, autore e giornalista in dialogo con Fabrizia Abbate (Unimol). Quammen è un Contributing Writer per il National Geographic. La pandemia lo ha portato alla ribalta mondiale in quanto aveva preconizzato, in un suo saggio del 2012, una nuova zoonosi pandemica con focolaio in Cina. In serata con concerto dei Lovesick duo: Paolo Roberto Pianezza e Francesca Alinovi ci porteranno nell’America degli anni ’40-‘50. Giovedì 14 ottobre poesia in dialogo con il pubblico a cura dello scrittore Michele Paladino. Nel pomeriggio in anteprima italiana, la giornalista e scrittrice americana Jessica Bruder sarà ospite di Poietika e in dialogo con Valentino Campo, per raccontare la sua inchiesta, realizzata vivendo per mesi in un camper, documentando gli americani itineranti costretti da bassi salari e alti affitti ad abbandonare le abitazioni tradizionali per mettersi in viaggio a tempo pieno alla ricerca di lavoro. Un progetto durato tre anni e più di 15.000 miglia di guida, da costa a costa e dal Messico al confine con il Canada. Venerdì 15 ottobre 2021 giornata dedicata interamente a Dante Alighieri in occasione dei 700 anni dalla sua morte: con “Esercizi per voce e violoncello sulla Divina Commedia” di Chiara Guidi e Francesco Guerri, il workshop “Macchine Umane” a cura di Azzurra De Gregorio e il “rap didattico” del celebre Murubutu con un live & talk.

Sabato 16 ottobre 2021 saremo in in compagnia dell’architetto, autore, disegnatore e insegnante Matteo Pericoli in dialogo con Michele Porsia:con lui saranno aperte connessioni su esistenza e architettura, abitazione e radicamento. In serata l’attesissimo concerto di Teresa Salgueiro. Rimandato lo scorso anno a causa della pandemia, la celebre artista portoghese presenterà per la sua unica data italiana il suo nuovo spettacolo. Domenica 17 ottobre Poietika chiude con un incontro sull’Afghanistan dedicato alla memoria di Gino Strada. Saranno presenti lo scrittore Alì Ehsani e l’ex ministro afgano Syed Ahmad Shah Sadaat, con loro in collegamento con la scrittrice canadese Deborah Ellis.

Per tutti i giorni di Poietika ci sarà, inoltre, il laboratorio permanente della illustratrice e disegnatrice Alessandra Jevo, in arte Jevo.

Il programma
Confini
Poietika Art Festival 2021

Mercoledì 13 ottobre 2021

ore 18.00

Auditorium Palazzo GIL
“Segnare le distanze: il virus che ci ha divisi”

David
 Quammen
collegamento streaming
con Fabrizia Abbate (Unimol)

Concerto
ore 21.00
Auditorium Palazzo GIL
Lovesick Duo

Giovedì 14 ottobre 2021
ore 16.30
Auditorium Palazzo GIL
“Poesia dal non dove”
Michele Paladino
dialoga con il pubblico di Poietika

Ore 18.00 Teatro Savoia
“Sconfinamenti – No home no rights”
Jessica Bruder
dialoga con Valentino Campo

Venerdì 15 ottobre 2021
ore 11.00 – Auditorium Palazzo GIL
“Esercizi per voce e violoncello sulla Divina Commedia”
Chiara Guidi e Francesco Guerri
Evento dedicato a Dante per i 700 anni dalla sua morte

ore 17.00 – Spazio 1 Palazzo GIL
Workshop “Macchine Umane
a cura di Azzurra De Gregorio
Artist network About the Future Festival

ore 21.00 – Auditorium Palazzo GIL
Murubutu live & talk
Evento dedicato a Dante per i 700 anni dalla sua morte

Ingresso:
Euro 10.00 – Ridotto 5.00

Sabato 16 ottobre 2021
Ore 17.00 – Auditorium Palazzo GIL
Reportage del patrimonio presentazione
a cura di Antonio Politano

Ore 18.00 Auditorium Palazzo GIL
Finestra sull’altrove
Matteo Pericoli
dialoga con Michele Porsia

Ore 21.00 Teatro Savoia
Teresa Salgueiro
in concerto
Ingresso:
Euro 20.00 – 15.00 – 5.00

Domenica 17 ottobre 2021
Ore 18.00 – Teatro Savoia
“Afghanistan: terra di confine”
in dialogo con Alì Ehsani e Syed Ahmad Shah Sadaat
collegamento online con Deborah Ellis

Dal 13 al 17 ottobre:
Laboratorio permanente
Alessandra Jevo

Info:

POIETIKA:
http://www.poietika.it
FONDAZIONE MOLISE CULTURA:
http://www.fondazionecultura.
euREGIONE MOLISE:
http://www.regione.molise.it

Synpress44 Ufficio stampa:http://www.synpress44.com




Jurassic games di Ryan Bellgardt

Jurassic games di Ryan Bellgardt (Usa/2018)
Durata: 86′ Genere: Orrore, fantascienza

In un prossimo futuro giocatori selezionati dovranno confrontarsi contro i dinosauri…

Scritto dallo stesso regista Bellgardt un film diciamo inevitabile considerando che negli ultimi anni squali e dinosauri sono stati tra  i protagonisti dell’horror/scifi di questo inizio di secondo millennio; il film quindi risulta a modo suo originale e passabile e magari, chissà, un giorno anche un cult.

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/




Powered by Steel di Damiano Biasutto

A distanza di un anno dal precedente “Dangerous Railway” torna Damiano Biasutto, chitarrista in primis, ma anche polistrumentista proveniente dal’estremo nord Italia (Friuli), con un album che omeggia nuovamente le grandi epopee del più puro heavy metal old school, con tentazioni power metal che vanno a sfociare anche negli anni Novanta. “Powered By Steel” questa volta gode di una…

Leggi l’articolo completo sul Portale ClubGHoST, clicca qui…




Blood myth di Sean Brown e Luke Gosling

Blood myth di Sean Brown e Luke Gosling (Uk/2019)
Durata: 81′ Genere: Orrore

Alla ricerca della fidanzata misteriosamente scomparsa un giornalista scopre l’esistenza di una strana quanto pericolosa usanza…

Horror britannico di buona fattura che sfrutta al meglio il fascino sinistro delle lande nordiche. Una curiosità: alcune sequenze sono state girate presso la Tintern Abbey dove nel 1988 gli Iron Maiden girarono il clip di “Can I play with madness”.

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/