Il caso Paradine di Alfred Hitchcock

Il caso Paradine (The Paradine Case) di Alfred Hitchcock (Usa/1947)
Durata: 113′ Genere: noir, drammatico

Maddalena Paradine (Alida Valli), donna affascinante e misteriosa, è accusata di aver ucciso il marito, un vecchio colonnello cieco. L’avvocato Anthony Kean (Gregory Peck) accetta di difenderla in tribunale. Ma questi si innamora della cliente, rischiando di compromettere il rapporto con la moglie Gay (Ann Todd, 1909 – 1993). Nel frattempo, per scagionare il cliente vede come possibile colpevole André Latour (Louis Jordan, 1921 – 2015)…

Film di genere Noir / Drammatico, con tinte di giallo, tratto dall’omonimo libro di Robert Smythe Hichens del 1933.
Nonostante il film ebbe una candidatura al premio Oscar per la “Miglior attrice non protagonista” a Ethel Barrymore (che qui interpreta lady Sophie Horfield), il film ebbe un pessimo riscontro sia con la stampa che con la critica del tempo e scarso successo commerciale.
Come spesso accade il film verrà rivalutato in seguito.

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/




La notte delle streghe di Sidney Hayers

La notte delle streghe (Night of the Eagle) di  Sidney Hayers (Uk/1962)
Durata: 90′ Genere: Orrore

Dopo che uno scettico professore universitario scopre che la moglie pratica da decenni la magia nera cerca ad  ogni costo di allontanarla da tali pratiche…

Da un futuro regista di serie TV (tra le quali “Magnum P. I.” e “Supercar”) un piccolo gioiellino prehorror tutto giocato sulla semioscurità e sul realismo della messa in scena e con un stile tipicamente hitchcockiano quando si tratta di mettere in risalto elementi apparentemente banali del proscenio quali un camino, un telefono che squilla o una foto. Da riscattare anche per le implicazioni sociali molto simili a quelle trattate da Roman Polanski in “Rosemary’s Baby”. Ottima l’interpretazione di Janet Blair. Conosciuto anche col titolo “Burn, witch, burn”.

(a cura di Antonio Pike Di Carlo)

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/




Il lungo coltello di Londra di John Llewellyn Moxey

Il lungo coltello di Londra (Circus of fear) di John Llewellyn Moxey (Uk/1966)
Durata : 90′ Genere : Thriller

Indagando su un furto un ispettore s’imbatte in un circo dove un domatore sfigurato, un geloso lanciatore di coltelli ed un losco nano chiamato Mr. Big destano piu di un sospetto…

Dal regista de “La citta’ dei morti” un curioso noir d’ambientazione circense che sembra quasi fare il verso a “Freaks” di Tod Browning ma che resta troppo irrisolto e indeciso e di sicuro non aiuta la, seppur sempre affascinante, location londinese troppo diurna, autunnale e malinconica. Resta comunque il cast che vede assieme Christopher Lee (curioso il suo personaggio), Klaus Kinski, Margaret Lee e Suzy Kendalo. Mistero il titolo italiano…

(a cura di Antonio Pike Di Carlo)

Recensione selezionata su Horror GHoST, iscriviti gratuitamente al gruppo:
https://www.facebook.com/groups/horrorclubghost/




2+5: Missione Hydra di Pietro Francisci

2+5: Missione Hydra di Pietro Francisci (Italia/1966)
Durata: 89′ Genere: Fantascienza
Arrivato in Italia, un equipaggio alieno cattura cinque terrestri per portarli sul loro pianeta ma durante il viaggio i sequestrati si ribellano.
Uno degli ultimi film di Pietro Francisci, conosciuto sopratutto per aver realizzato peplum e film di avventura, qui alle prese con un fantastico Plan 9 stile Ed Wood che non si fa mancare proprio niente (vedi interni delle astronavi stile salotto, razzi giocattolo spacciati per veri e costumi a metà strada tra il carnevalesco e lo spogliarello); indimenticabile poi la passeggiata similturistica degli alieni tra le rovine di Roma malgrado il film sia girato in Sardegna. Insomma un cult dimenticato. Nel cast Leonora Ruffo, Kirk Morris, Gordon Mitchell. Musiche di Nino Fidenco. Conosciuto in inglese col titolo di Star Pilot. Una curiosità: vanta una distribuzione in sala assieme a Battle beyond the sun diretto all’epoca da un giovane Francis Ford Coppola.