Mercenario dello spazio di Federico Pavan

Mercenario dello spazio di Federico PavanLa Redazione Ghost segnala Mercenario dello spazio di Federico Pavan, pubblicato da Gonzo editore.

XXVI secolo, la galassia è densamente popolata da razze aliene in lotta. I terresti hanno colonizzato l’intero sistema solare, spingendosi talmente oltre nella terraformazione di nuovi pianeti da essere diventati il più temibile popolo dello spazio. Una pesante ipoteca grava sul loro processo evolutivo, avvenuto a prezzo di gravissime stragi.
L’incrociatore spaziale Mercenarius, che dà il titolo al romanzo, viene scelto da una coalizione interplanetaria per portare a termine la difficile missione contro i Moloch, pericolosa specie aliena proveniente da un universo parallelo, che tenta di annientare la vita nella galassia. A guidarlo Daniel Cohen, esperto pilota che di avventura in avventura si troverà a fare i conti non solo con il nemico, ma anche con la propria umanità.
L’equipaggio del Mercenarius dovrà superare numerose prove: ricerca di armi segrete, esplorazione di mondi incontaminati, scontri con i pirati spaziali, fino alla battaglia finale.
Mercenario dello spazio si inserisce nel solco della space opera rinnovandola: alla vocazione militare si affianca la passione per l’esplorazione pura, il valore educativo della ricerca scientifica e una riflessione, quantomai attuale, sul vero significato dei concetti di evoluzione e progresso.

L’AUTORE
Federico Pavan, nasce a Torino nel 1970. Le passioni per l’arte e per la scienza coltivate fin da bambino si conciliano, dopo gli studi in Biologia, nell’incontro con la fantascienza, frequentata per molti anni prima di approdare alla scrittura. Pavan è anche esperto di tiro e di arti marziali. Ama dire che la sua condizione è simile a quella del gatto di Schrödinger: diviso tra poesia e scienza. Mercenario dello spazio è il suo terzo romanzo.

Mercenario dello spazio
Autore: Federico Pavan
Editore: Gonzo Editore
Codice ISBSN: 9788899862053
Pag.289
Prezzo di copertina: € 17,50

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*