Dotter of her father’s eyes di Mary e Bryan Talbot

Dotter her father’s eyes di Mary e Bryan Talbot“Padre davvero, ma cosa ti ho fatto?”

Un romanzo grafico raffinatissimo, dolente e di lettura appassionante.
Dotter of her father’s eyes è un gioco di parole intraducibile, nel suo plurimo significato. Dotter si pronuncia come Daughter figlia. La figlia degli occhi di suo padre. Ma significa anche l’inverso: La figlia che stravede per suo padre.
Padre e figlia uniti indissolubilmente, nell’amore e nell’odio.
C’è ancora un senso comprensibile solo guardando la copertina dell’edizione originale: Dotter nella nail art, è lo strumento per segnare puntini sulle unghie. Nella copertina originale gli occhi della bambina sono puntini. Lucia Joyce come vedremo, danzerà sulle punte.
Più significati per il titolo di un romanzo che incrocia la storia di Mary e Lucia, figlie di colti padri artisti.
All’ombra dei padri le ragazze non sono in fiore. I padri si amano e si odiano, a quello di Edipo corrisponde il complesso di Elettra.
Mary Atherton in Talbot racconta la storia di Lucia Joyce, figlia dell’autore di Ulisse, in montaggio alternato con la sua, figlia di James Atherton, studioso di Joyce e della sua opera.
Il disegnatore Bryan Talbot per il passato che riguarda Lucia Joyce, usa il bianco nero. Per il presente di sua moglie, Mary Atherton Talbot il colore; per il suo passato diverse sfumature di seppia, ai quali aggiunge particolari colorati.
Cos’hanno in comune Lucia e Mary?
Un padre ingombrante.
Lucia Joyce crebbe all’ombra del grande padre, dalla natia Irlanda, a Trieste, alla Parigi degli anni venti, quella delle avanguardie raccontata da Hemingway in Festa Mobile, da Woody Allen in Midnight in Paris e da molti altri. Lucia dopo i primi anni di stenti, visse in quella Parigi favolosa in cui s’incontravano Picasso, André Breton, Isadora Duncan, i dadaisti,i surrealisti, Man Ray, Erik Satie, Gertrude Stein e molti altri. Lucia maturò in quell’ambiente, l’amore per la danza, frequentando alcune delle fondatrici della danza moderna. Ma la sua passione fu sempre frustrata dal padre e dalla madre, modernisti in arte, ma conservatori nell’assecondare le inclinazioni della figlia. Lucia strappata dai suoi interessi da una famiglia oppressiva, e coinvolta in uno sfortunato amore con Samuel Beckett, segretario del padre, finirà in manicomio, da cui il padre non poté più tirarla fuori. Quando i Nazisti conquistarono Parigi, Lucia si salvò miracolosamente dall’idea nazista di purezza ariana. Finì suoi giorni nel 1988 in Inghilterra, in manicomio. Mary Atherton si identifica fortemente con Lucia; il padre James era un noto studioso di Joyce che all’esegesi dell’Ulisse sacrificò la serenità della sua famiglia. Autoritario e iroso non facilitò la vita di Mary che come atto di ribellione invece di iscriversi a Cambridge, scelse un piccolo college e il matrimonio con il giovane e originale artista Bryan Talbot. La storia alterna le vicenda di Lucia a quella di Mary, in un gioco di specchi e rimandi che ha come sintesi il finale di una straziante poesia di Silvya Plath, Daddy: “Eri una carogna, ho finito”. A essa quale si contrappone una citazione da Re Lear: “Quanto è più crudele del morso di un serpente l’ingratitudine di un figlio.” Il romanzo grafico scorre benissimo, tra invenzioni letterarie e grafiche di grande poesia. Bryan Talbot viene dall’underground e si vede, ha lavorato per Dark Horse e DC Comics. Mary Talbot insegna all’università e ha scritto un noto libro, non tradotto in Italia, Language and Gender.

Da padre, spero che mia figlia sia un po’ più generosa, di quanto Mary Talbot lo sia stata col suo di padre. C’è inimicizia tra donna e serpente. Dotter her father’s eyes pone un antico tema: l’eredità dei padri e gli errori che compiono nel cercare di trasmettere ai figli, quanto hanno appreso dalla vita. Questo è il ruolo dei padri e delle madri della specie Homo Sapiens Sapiens. Un ruolo difficile, delicato, nel quale l’errore è dietro l’angolo, specie se si è ingombranti, geniali e famosi come James Joyce. Ancora più difficile è il ruolo di figlia, come in una scena di La Valle dell’Eden di Elia Kazan, Julie Harris spiega a James Dean: i i padri, i genitori, bisogna perdonarli.
Ammesso che lo siano, perdonabili. E se James Joyce e James Atherton vegliavano su Finnegan, è forse il tempo che Mary smetta la sua veglia sul padre. Una nota di merito per la traduttrice, Gloria Grieco che deve essersi destreggiata tra mille difficoltà, benissimo.

Belle le copertine di Brian Talbot, fiori secchi, forse fresie, sullo sfondo delle tracce del Padre.

GLI AUTORI
Mary TalbotMary M. Talbot è un’accademica riconosciuta a livello internazionale, autrice di numerose pubblicazioni sul linguaggio, il genere e il potere, in particolare in relazione ai media e alla cultura del consumo.
Tra i suoi lavori più recenti: Language and Gender e Media Discourse: Representation and Interaction, sebbene continui ad essere meglio conosciuta per la sua indagine critica sulla “sorellanza sintetica” offerta dalle riviste per adolescenti.
Si è occupata per oltre venticinque anni di istruzione superiore e Dotter of her Father’s Eyes è la sua prima opera in forma di graphic novel.

Bryan TalbotBryan Talbot (24 febbraio 1952) è un artista e scrittore di fumetti britannico, noto soprattutto come il creatore di Le avventure di Luther Arkwright e del suo sequel Heart of Empire, nonché della serie Grandville.
La sua carriera nel mondo della Nona Arte inizia con il fumetto underground della fine degli anni ’60. Nel 1969 i suoi primi lavori appaiono come illustrazioni su Mallorn, la rivista della British Tolkien Society.
Dopo aver lasciato il college realizza Brainstorm Comix, i primi tre dei quali formeranno la trilogia di Chester P. Hackenbush, un personaggio rielaborato da Alan Moore come Chester Williams per il celebre Swamp Thing.
Nel 1978, Talbot inizia Le avventure di Luther Arkwright, uno dei suoi personaggi più noti che segneranno l’immaginario internazionale del graphic novel. Inizialmente pubblicato su Near Myths, verrà poi raccolto in un volume unico da Dark Horse Comics: la sua importanza è dovuta al fatto di essere riconosciuto come uno dei primi graphic novel britannici. Dall’inizio alla metà degli anni Ottanta realizza alcuni dei principali albi di punta della 2000 AD: Nemesis the Warlock, Judge Dredd e The Tale of One Bad Rat.
Talbot passa al mercato americano negli anni ’90, principalmente per DC Comics, con titoli come Hellblazer, Batman: Legends of the Dark Knight e Dead Boy Detectives. Collabora con Neil Gaiman al pluripremiato The Sandman, realizzandone gli archi narrativi Fables & Reflections, A Game of You e Worlds’End.
Illustra alcune carte per il gioco di ruolo Magic: The Gathering.
Collabora al Fables di Bill Willingham, oltre a tornare nell’universo di Luther Arkwright con Heart of Empire.
Nel 2006 realizza il romanzo grafico Metronome, un poema visivo esistenziale, privo di testo scritto sotto lo pseudonimo di Véronique Tanaka.
Nel 2007 pubblica Alice a Sunderland, che documenta i collegamenti tra Lewis Carroll, Alice Liddell e l’area di Sunderland e Wearside.
Le sue ultime opere rappresentano anche l’inizio del sodalizio artistico con la moglie e scrittrice Mary: Dotter of her father’s eyes (Premio Costa 2012), Red Virgin e Rain sono tra i graphic novel di grande successo, di pubblico e critica, partoriti in questi ultimi anni di attività.

Dotter of her father’s eyes
Autori: Mary e Bryan Talbot Traduzione: Gloria Grieco
Editore: Nicola Pesce Editore
pag 96, brossurato a colori
Collana: Clouds
Codice ISBN: 9788894818307
Prezzo di copertina: € 14,90

N.d.A.
Grazie a Fausta De Romita Leo per la consulenza

a cura di Gianni Solazzo
(gianni.solazzo@gmail.com)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*