Franco Giaffreda parla della sua musica…

Franco Giaffreda, classe 1970, è un chitarrista, cantante in attività dal 1989. Tra le band in cui ha suonato sono presenti nomi come Evil WingsBiglietto per l’Inferno e Get’em Out e collaborazioni con artisti quali Fabio ConcatoMassimo Priviero e Nic Potter dei VDGG.

Apologia di un destino comune è il nuovo lavoro in studio di Franco Giaffreda. Quest’album spazia tra il rock e il progressive, raccontando le storie di tre persone, prima e dopo l’avvento del covid-19. Abbiamo intervistato Franco Giaffreda

1. Salve, è un piacere averti qui con noi Franco. Ti ringraziamo per il tempo che ci dedichi. Cominciamo col parlare un po’ di te. Attivo dal 1989, vanti un gran bel curriculum. Cosa ti ha spinto a lavorare ai tuoi tanti progetti solisti e non?

Ciao a tutti e grazie per lo spazio che mi state concedendo. Diciamo che all’inizio, quando ero ragazzino, c’era semplicemente la voglia di suonare e cantare le canzoni dei miei eroi musicali. Poi diventando un po’ più bravo mi sono reso conto che la passione poteva diventare qualcosa di più. Da lì ho formato il mio primo gruppo Evil Wings e poi sono arrivate via via altre collaborazioni, semplicemente conoscendo musicisti e addetti ai lavori. Alla fine, nel 2018, ho deciso che dovevo cominciare ad avere un io progetto solista per essere me stesso al 100%.

2. Questo periodo ‘da film’ è stato molto duro per tutti. Dal canto tuo, ha permesso la nascita di Apologia Di Un Destino Comune. Come hai vissuto questo periodo?

Ho pensate che se fossi stato con le mani in mano avrei buttato via del tempo prezioso. Diciamo che il primo lockdown nelle prime settimane ha permesso a tanti di tirare un po’ il freno a mano e a guardarsi dentro, io ho cercato di scrivere canzoni.

3. Apologia Di Un Destino Comune è un concept. Ci racconti su cosa è incentrato?

Apologia Di Un Destino Comune è la storia di tre persone comuni che comprende un arco di tempo dall’inizio del 2020 fino alla fine del primo lockdown. La loro vita come era prima e poi come è diventata con l’arrivo del Covid fino ad arrivare al triste epilogo. I brani rispecchiano i caratteri dei tre protagonisti e questo mi ha permesso di inserire nel contesto diversi stili musicali.

4. Quanto di personale possiamo trovare in Apologia Di Un Destino Comune?

E’ tutto personale perché sono brani dove tutti noi possiamo riconoscerci. Uso spesso il termine “noi” perché sono storie che in qualche modo tutti abbiamo vissuto.

5. Davvero è frutto di un solo mese di lavoro?

Volutamente e assolutamente sì. Volevo mettere in musica tutto quello che stavo provando in quel momento. Quindi dalla prima nota, all’ultima strofa, i brani sono stati scritti proprio in un mesetto.

6. Siamo giunti ai saluti, ma prima, un’ultima domanda: quali sono i tuoi progetti per il futuro? Grazie ancora per la disponibilità…

Attualmente il mio progetto futuro è far ascoltare i miei brani usando quello che la tecnologia ci permette: piattaforme digitali e video. Poi, spero presto, vorrei cercare di suonare il più possibile questi brani dal vivo. Da ragazzino volevo solo questo. Grazie a tutti e alla prossima.

Link streaming su Spotify: https://open.spotify.com/album/3yFYuN9Qmp4NWrGP5V751P

Recensione a Apologia di un destino comune:  https://www.clubghost.it/portale/2021/02/11/apologia-di-un-destino-comune-di-franco-giaffreda/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*