C’è un nuovo duo new wave in circolazione. Il nome è QUIETFLOW, composto da Robi Cappe al basso e alla voce e Ciars alla batteria, elettronica e la voce.

Il loro nuovo lavoro si intitola A New Wave ed è un album composto da 8 canzoni registrate interamente in home studio, per poi passare al mix ed ilmaster affidati a Sebastiano Paparella.

La prima traccia del disco si chiama Superhero e si parte direttamente con una forte carica ritmica, affiancata ad un suono esplosivo con connotati tipicamente new wave, molto elettronici e con il classico basso distorto che non manca mai.

Si procede con Roots un brano anch’esso molto carico e, che, questa volta, si sposta su atmosfere decisamente più psichedeliche, sfiorando, nel ritornello, creste di grunge anni ’90.

Song of the Owl è tipicamente new wave, rimandando un po’ alle influenze dei Joy
Division, apparendo estremamente d’impatto emotivo e comunicativo con sonorità accattivanti e spinte, oltre ad una voce sporca e diretta che non si pone come obbiettivo il virtuosismo o la ricercatezza ma semplicemente l’immediatezza.

Smooth Silence è un altro esempio di new wave classica, nella quale sono udibili anche rimandi al mondo del rock. Qua e là quasi cenni di influenze alla Black Sabbath, per poi passare a Quiet Emotion che continua sul filone della pseudo psichedelia con un riff ostinato di basso ed una voce che si assottiglia rispetto agli altri brani, esplodendo nel ritornello nel quale sia essa che gli strumenti si sporcano in maniera palese e lampante, generando un clima di distorsioni sonore controllate.

Rocket è un marasma di atmosfere dark e psichedeliche con una specie di ostinato formato dalla ritmica e dalla persistente ripetizione, nella strofa, di una singola nota da parte dell’ottava alto del basso, con l’ottava bassa che aggiunge piccoli fraseggi elementari per enfatizzare il senso ritmico del brano, aprendosi nel ritornello nel quale il basso diventa molto distorto. Anche qui tanta presenza, immediatezza e grinta.

Faceless Man è classificabile come una ballata malinconica ed agitata che, arrivando ad un minuto e 30 circa, esplode nelle classiche sonorità distorte ed acide per poi tornare a placarsi, riesplodendo nel finale.

Il tutto si chiude con una remix di Song of the Owl a cura di Red Macula che ne conferisce un’identità più elettronica, vicina alle più moderne tendenze, seppur, a nostro avviso, il remix tende a perdere quella grinta e quel pathos che invece caratterizza il brano originale.

In definitiva il lavoro del QUIETFLOW è davvero interessante e risulta una sperimentazione molto ben fatta. Facciamo davvero gli auguri al duo per questo nuovo lavoro e vi invitiamo ad ascoltare il loro nuovo album: A New Wave.

Link per l’ascolto:

Spotify: https://open.spotify.com/album/38SFn2anLr8dMgbQXMBbhF

Bandcamp: https://deltapromotion.bandcamp.com/album/a-new-wave-2

Link video ufficiali:

Quiet Emotion: https://youtu.be/2AjNnwE3Xcg

Rocket: https://www.youtube.com/watch?v=yejFOQaC1KQ

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Di Shock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*