Hits: 531

Horror.

Cos’è un horror?
Cos’è un horror italiano con sfumature fantasy?
Rivelo una cosa.
Erano anni che volevo leggere un romanzo italiano dalle tinte fosche, scure, con sfumature fantasy, e non mi azzardavo minimamente a prendere in mano alcunché, per non restare deluso.
Il blocco del lettore.
In realtà ho scritto e scrivo generi thriller e horror, ma in questa tipologia di manoscritti, con queste sfaccettature, non avevo mai riscontrato interesse.
Mi è capitato, quasi per caso, la possibilità di recensire un autore emergente, uno scrittore già conosciuto nell’ambito horror, che risponde al nome di Germano Hell Greco. Il suo romanzo si chiama Madonna Nera.

Alepia.
Giorni nostri.
Terra arsa, brulla, tipicamente pugliese.
La location del romanzo è nostrana.
I luoghi, gli odori, le usanze, sono italiane.
Le usanze…, dicevamo.
Ci sono usanze e usanze.
Ci sono tradizioni di cui siamo felici e orgogliosi, altre invece che possono portare dolore e perché no, alcune volte morte.
La morte è l’incontrastato protagonista del romanzo.
Compare, scompare, ritorna sotto falso nome, a volte ritorna in modo onirico, a volte non torna più, e la cerchi nei particolari più reconditi dell’animo umano, ma non riesci a scorgerla.
No, non vorrei spoilerare nulla, perché l’autore e la storia non meritano di essere rivelati anzitempo.
Il romanzo è un piccolo gioiello che si apre a fiore in procinto di sbocciare, in modo graduale, rispecchiando a pieno la reale indole dell’autore.
I protagonisti, oltre alla signora Madre sopra citata, dietro le sembianze di una santa, Santa Feba, sono vari e tutti importanti.
Nessuno di loro assurge a ruolo di assoluto protagonista del libro, nonostante la storia inizi con un personaggio e ne finisca con un altro.
Quanto mistero è racchiuso nel dolce susseguirsi di eventi tra Pietro, Sandro, Mario, la sensuale Kiki, la voluttuosa Giada, il parroco Don Vito, Il nonno malfamato, la madre di Pietro e la signora perpetua Makeba.
Tutti vengono dipinti in modo realistico e originale, tramite pennellate di colori, tendente al grigio.
Qualcosa è successo!
Qualcosa continua a succedere in un susseguirsi di eventi, e si alternano episodi colmi di suspense.
Qualcosa di enorme e sbagliato si sta interfacciando tra i nostri eroi, e nessuno riesce bene a comprendere, fino in fondo, perché tutto ciò avviene.
Il confine tra reale e onirico e molto labile ed è bravo l’autore a farci immergere in un’ambientazione strana, quasi grottesca e surreale.
Il linguaggio non è certamente aulico, a volte persino volutamente volgare – troppo per i miei gusti, ma è opinione personale – ma si adatta perfettamente al contesto giovanile dei protagonisti e dell’ambiente grezzo, sudicio e miserrimo in cui si svolge.
Cosa ci rimane di questo libro?
Come si dice a Milano, “tanta roba raga”!
Non passa certamente inosservato, perché un horror fantasy, dai ritmi avvolgenti e dal percorso folkloristico regionale che non è proprio cosa di tutti i giorni.
Diamo tempo al tempo, e vedrete che questo autore si affermerà non solo a livello locale ma nazionale, o quanto meno glielo auguriamo di cuore, perché ne ha tutti i requisiti.
Lungi da me, Madonna nera…
Anche se mi hai preso!
Ringrazio il cielo che, per fortuna, ho ancora…
tutti i denti!

L’AUTORE

Germano Hell Greco è laureato in lettere, è blogger ed editor freelance.
Collabora con una rivista di nome Melange e ideatore dell’ambientazione 2MM DARKEST, nonché dei romanzi ad essa dedicato del premio Boomstik award e dell’ambientazione fantascientifica Le storie di perfection.
È anche autore di Girlfriend from hell, del progetto Survivor blog, che vanta decine di migliaia di visualizzazioni.
In ultimo è appassionato, oltre che di scrittura, anche di cucina.

Madonna Nera

Autore: Germano Hell Greco

Editore: Acheron Books

Pag. 242

Prezzo: Ed. cartacea 14 €; ebook 6,99

Madonna Nera di Germano Hell Greco
Germano Hell Greco

Tutti i diritti riservati ⓒ per immagini e testi.

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *