​Doric Hotel di Luisa Mazzocchi

​Doric Hotel di Luisa Mazzocchi

Lara Isabel è una trentenne anconetana insoddisfatta del lavoro, delusa dall’amore che crede però nell’amicizia vera, così dopo aver prestato aiuto a Dora, un’amabile vecchietta di 84 anni che abita nelle vicinanze, istaura con l’anziana signora una singolare conoscenza. Dora confida ad Isabel un segreto che la tormenta da più di 50anni, tra confidenze e coincidenze la ragazza viene travolta in un vortice di ricordi di drammatici eventi che la porterà alla ricerca di una verità per donare pace e serenità alla vecchietta.

Il romanzo si alterna tra il presente e il passato, quando Ancona, devastata dai bombardamenti della  seconda guerra mondiale, fu teatro di un evento terribile dove molte persone persero la vita, tra queste, Giorgia, cugina di Dora e Myriam, loro grande amica, ma perseguitata perché ebrea. Dora si è sempre colpevolizzata per non aver avuto il tempo di chiarire delle incomprensioni con le due ragazze… Le ricerche porteranno Isabel in luoghi misteriosi ed affascinanti, come l’ormai dismesso Doric Hotel o il cimitero ebraico nel parco del Cardeto. Emozioni forti nelle pagine che si leggono tutte d’un fiato, lacrime amare, momenti di suspence tra apparizioni evanescenti e appagante senso d’amicizia, in questo romanzo che non dimenticherete facilmente…

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Luisa ha detto:

    Grazie Elisabetta, mi fa molto piacere questa tua recensione!
    Luisa Mazzocchi

    • Elisabetta Maceratesi ha detto:

      Grazie a te, ti leggo con infinito piacere, prima “Il segreto di vicolo della serpe” anche quello recensito a me in un gruppo, poi “Doric Hotel”, ora sto viaggiando con il tuo Luca….. grazie ancora

      • Luisa ha detto:

        Non ho avuto il piacere di leggere anche l’altra tua recensione, ma sono ugualmente contenta, Elisabetta. Il romanzo è stato poi ripubblicato, come il sequel “Silvia delle sibille, dalla Rizzoli. Prima poi questa trilogia spero di riuscire a concluderà! Grazie ancora, Elisabetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*