L’ora del diavolo di Fernando Pessoa

L'ora del diavolo di Fernando PessoaQuesto racconto risale alla prima giovinezza di Fernando
Pessoa, quando la sua tendenza alla camaleonticità,
rimasta in età matura, lo vedeva firmare diverse opere
con pseudonimi inglesi e a scrivere anche nella lingua
d’Albione. Tanto che uno dei manoscritti, da cui è
formato il racconto, riporta il titolo Devil’s voice e
un altro la scritta End alla fine.
Sì, perché questa opera ci è pervenuta grazie al lavoro
di Teresa Rita Lopes che si è presa l’onore e l’onere di
mettere insieme numerosi fogli dattilografati e altri
scritti a mano di Pessoa che portano infine, una volta
ricomposti, a L’ora del diavolo.
Protagonisti sono Maria, una figura femminile appena
accennata, assolutamente non definita, un personaggio
archetipico e, ovviamente, senor el diable. Il diavolo
in persona. Mr. Devil.
Ma scordatevi del diavolo ribelle di Jonh Milton, poeta
inglese dell’800, o del rock, dai Rolling Stones di
Simpathy for the devil in poi, e del metal, del diavolo
tentatore della tradizione cristiana e di quello del
patto con il Dottor Faust o con Robert Johnson o di
quello che fa una brutta fine nel confronto con la
sagacia e la furbizia del popolo. Dimenticate pure
esorcismi, possessioni e tutte le storie che ci ha
raccontato la cinematografia negli ultimi 40 anni.
Rammentate solo un film: Rosemary’s baby. Perché anche
in questo racconto c’è un figlio del diavolo. Una
nascita. Ma nessuna setta per carità. Niente complotti.
E il figlio non ha gli stessi occhi del padre. Il
ragazzo ha lo sguardo del poeta. Del sognatore e del
visionario. E ricorda infatti, come un sogno, l’incontro
di sua madre e suo “padre”. Virgolette d’obbligo perché
Maria era già incinta all’arrivo del dio.
Dio? Sì. Il diavolo di Pessoa altri non è che il Dio
dell’immaginazione, dei sogni folli, dei desideri
inespressi. Egli abita la zona intermedia tra ciò che è
e ciò che potrebbe essere o che potrebbe essere stato
se…
Dio è suo fratello. Non suo nemico. Neanche rivale. Dio
è il sole. Il diavolo la luna. Ed entrambi sono stati
generati da altri dei. La verità? Esiste ma non è
“attingibile”. Dio non la conosce di certo. E nemmeno il
diavolo.
Tutte le religioni, sostiene il diavolo di Pessoa,
dicono la stessa cosa, parlando lingue diverse.
Pessoa, con queste circa trenta pagine di poesia
filosofica, va oltre una definizione dicotomica della
realtà, avvicinandosi a una visione orientaleggiante
dell’esistenza e afferma due verità: l’importanza di un
pensiero gnostico per cercare di comprendere la realtà e
la necessità per un non credente di inventare miti in
cui credere.
Perché il poeta e narratore (Pessoa è più conosciuto
come poeta, ma in realtà ha scritto più prosa che
poesia) non crede in dei, cristiani o pagani. Ma li
inventa. Per arricchire con l’immaginazione la vita. Sua
e di chi lo legge. Secondo me, il giovane Pessoa si
identificava molto nel suo diavolo.
Ma questo dio diavolo prova anche nostalgia per la
semplicità della vita degli esseri umani.
Per questo a un certo punto Maria, che durante il
monologo del diavolo ha praticamente taciuto, dice che
prova pena per lui.
E quindi…leggetelo.

In questa edizione al testo composto con scrupolo dalla
Lopez c’è anche una postfazione della stessa, che
illustra l’opera intercalando informazioni su Pessoa
uomo e scrittore, parlando anche dei suoi pseudonimi,
riportando testi firmati dal poeta-narratore con altri
nomi e citando altri autori che avevano visioni
dell’arte e della vita simili alla sua.
Inoltre non mancano le precise note al testo e alla
postfazione sempre della Lopez, che qualsiasi
appassionato di Pessoa dovrebbe solo ringraziare.

Un estratto dalla voce di Pessoa/Il diavolo:
“Sono il Dio dell’Immaginazione, perduto perché non
creo. È grazie a me che, bambina, hai sognato quei sogni
che sembravano giochi; è grazie a me che, già donna, la
notte hai potuto abbracciare i principi e i dominatori
che dormono al fondo di quei sogni. Sono lo Spirito che
crea senza creare, la cui voce è fumo, e la cui anima è
un errore.”

Passigli Editore ha pubblicato più di venti volumi
dedicati a quello che è considerato il più grande poeta
portoghese del novecento.

Fernando PessoaL’AUTORE

Fernando Antonio Nogueira Pessoa (Lisbona, 13 giugno
1888 – Lisbona, IPA 1935) è stato un poeta, scrittore e
aforista portoghese.
E’ considerato uno dei maggiori poeti di lingua
portoghese, e per il suo valore è comparato a Camoes. Il
critico letterario Harold Bloom lo definì, accanto a
Pablo Neruda, il poeta più rappresentativo del XX
secolo.
Avendo vissuto la maggior parte della sua giovinezza in
Sudafrica, la lingua inglese giocò un ruolo fondamentale
nella sua vita, tanto che traduceva, lavorava, scriveva,
studiava e perfino pensava in inglese. Visse una vita
discreta, trovando espressione nel giornalismo, nella
pubblicità, nel commercio e, principalmente, nella
letteratura, in cui si scompose in varie altre
personalità, contrassegnate da diversi eteronimi. La sua
figura enigmatica interessa gran parte degli studi sulla
sua vita e opera, oltre ad essere il maggior autore
della eteronimia.
Morì a causa di problemi epatici all’età di 47 anni
nella stessa città dov’era nato. L’ultima frase che
scrisse fu in inglese “I know not what tomorrow will
bring… “, e si riportano come le sue ultime parole
(essendo molto miope) “De-me os meus óculos!” (Datemi i
miei occhiali).

 

L’ora del diavolo
Fernando Pessoa
Passigli Editori
Codice ISBN: 97888368 5299
Prezzo di copertina: € 7,50

a cura di Luca Bonatesta
(lucabonatesta71@gmail.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*