Quasi ogni persona ha avuto nella propria vita un momento oppure dei momenti di sconforto. Periodi in cui la speranza era pochissima cadendo quasi in uno stato di profonda crisi esistenziale. Una crisi che porta in una sorta di “sottosuolo” del proprio IO. Il sottosuolo è infatti grossomodo un luogo pieno di mistero, fascino e curiosità ma allo stesso tempo anche di inquietudine. Le cosiddette viscere della Terra rappresentano una sorta di richiamo primitivo.

Tutta questa suggestione è ritrovabile in un meraviglioso singolo musicale, il settimo per l’esattezza, intitolato per l’appunto Dal Sottosuolo del cantautore Teo gfo; un talento emergente davvero degno di nota. Questa canzone fa poi parte dell’Album intitolato La Città del Sole.

Immediatamente, ascoltando questo vero e proprio capolavoro musicale, si nota un ritmo intenso e da ripetuti bridge che mantengono viva l’energia, invitando l’ascoltatore a prendere parte alla canzone e a questo viaggio; in un tripudio di forza. Ma non solo. Si notano anche dei ritmi rock dell’artista che si amalgamano in modo strepitoso a trombe e a fraseggi latino americani eseguiti dalla chitarra elettrica, il cui suono è davvero entusiasmante, suggestivo.

Anche se sembrano dei stili contrastanti riescono invece a creare un’armonia davvero rarissima da trovare. Sembra di ascoltare un pezzo innanzitutto orecchiabile, ballabile e quasi da discoteca. Le parole, poi, hanno un qualcosa di mistico. Infatti si racconta che l’Artista in questione, dopo che una grande delusione lo ha abbattuto moltissimo, intraprende letteralmente un viaggio spirituale partendo appunto Dal Sottosuolo per ritrovare poi sé stesso, la gioia, la speranza e la Luce; successivamente innalzando un luogo di rinascita per chiunque ne abbia bisogno. Un testo che ci rimanda ad un’opera letteraria che è un vanto dell’Italia ed un Capolavoro Universale: la Meravigliosa Divina Commedia Di Dante Alighieri, quest’ultimo il più grande Scrittore di tutti i tempi. Quindi Teo gfo, iniziando con questa prima traccia del suo Album ci ricorda proprio il Sommo Poeta che in un periodo di sconforto cerca di ritrovare la Retta Via partendo dalla suggestiva Selva Oscura.

Un testo musicale, quindi, che oltre ai ritmi veloci, simili ad un tormentone, riesce anche ad esprimere una poetica eccellente. A dimostrazione che il Rock non è soltanto violenza come qualcuno potrebbe pensare ma anche e soprattutto arte, cultura e poesia.

Ecco alcune dichiarazioni di Teo gfo su questo suo nuovissimo, mitico e spettacolare singolo: “È il primo brano di questo concept Album ed è il punto di partenza del lungo percorso intrapreso alla ricerca della Luce e della propria rinascita. Ricordo di questo periodo davvero buio dove mi era passato il gusto per tutto… Proprio per tutto. Questo brano è forse quello più personale dell’Album. Sò che molti di noi hanno conosciuto il sottosuolo ed alcuni ancora ne sono attratti o prigionieri… Spero questo brano possa offrire qualche raggio di Sole a chi si trova in questo luogo freddo, così da non farli sentire soli. In quei momenti parlare, condividere e non rimanere soli è parte della salvezza… Chi ha conosciuto il sottosuolo lo sa”

Insomma, pura poesia.

Per questa traccia si è vista la partecipazione di Marco Taurisano con l’arrangiamento, Edoardo Impedovo con la sua tromba, Carmelo Avanzato con il master ed infine Giuseppe Loller con la realizzazione della bellissima copertina del singolo che raffigura un pozzo, metafora della risalita verso la speranza di una migliore Vita. Questa canzone è davvero buona perché l’insieme geniale delle melodie, difficili da abbinare, e quasi ancestrali, ne fanno una genialata che deve essere assolutamente ascoltata perché è un insieme di competenza, eleganza, maestria e pura energia senza però dimenticare il senso poetico della canzone in sé. Del resto stiamo parlando di un Artista che, seppur emergente, merita un successo straordinario che gli auguro vivamente, oltre ad essere un vero e proprio genio.

Questa splendida canzone è attualmente disponibile su You Tube al seguente link:

https://www.youtube.com/watch?v=j9c7gGWQuRw

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Di Shock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*