Prodotto dalla Kate Records/ArtistFirst, in questa ballad c’è tanta scuola pop/indie dai tratti “chill”.
Una tipica canzone italiana. Un po’ a richiamare le uscite degli ultimi anni.

Struttura semplice formata da un susseguirsi di strofe e ritornelli, quasi a creare una cantilena costante. Il brano di Meda riesce ad essere molto fresco e radiofonico, tanto da poter essere proiettato sul commercio nazionale, tra le nuove leve del pop.

Una miscela di “canzonetta” tipicamente mediterranea e cantautorato giovanile. Anche la voce dell’artista è decisamente convincente. Certo, non possiamo dire che sia unica, anzi. Però, riesce a cogliere le corde giuste, scaturendo forti sensazioni nell’ascoltatore.

Anche nel testo c’è un fortissimo rimando alla canzone italiana: il classico argomento dell’amore giovanile. Certo, non sarà sicuramente originale ma è pur giusto, attraverso la musica, raccontare qualcosa e se quel qualcosa è un amore vissuto, ben venga comunque.

Insomma un buon lavoro per l’artista foggiano, che, senza dubbio, può raggiungere traguardi ben più importanti e speriamo vivamente nella sua riuscita.

Nel frattempo vi lasciamo ascoltare I respiri tuoi di Meda, sperando possa piacere anche a voi….

Link streaming:
https://open.spotify.com/album/0cYX4wmTLQkSRXcHOTLOwG

Credits:

Testi e Musica: Nicola Carfagna

Produzione: Andrea Allocca e Nicola Carfagna

Mix & Master: Francesco Procacci (Kate Academy Studio)

Etichetta: Kate Records

Distribuzione: Artist First

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Di Shock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*