Il brano Fiori segue l’uscita del primo singolo Baby ed è parte dell’album La Città del Sole di Teo gfo.

Come si denota dal testo del brano, il punto focale è quello di una riflessione messa in atto dallo stesso cantautore, nella quale si analizzano i diversi concetti di speranza e rinascita.

I tratti sono quelli del folk, dell’indie e del cantautorato più classico.

La musica popolare è la fonte di ispirazione, questo è abbastanza palese, dall’uso degli strumenti più classici (classica chitarra acustica, batteria, basso e piano), all’introduzione di una fisarmonica, un po’ a richiamare la musica popolare francese (almeno così sembrerebbe dalla scrittura delle melodie), fino ad arrivare alla scarna produzione melodica del cantato.

Si gira costantemente intorno alla classica insensatezza che contraddistingue l’indie italiano e le sue forme, arrivando a dire ben poco ed in maniera al quanto banale, costruendo la struttura di un brano che si evolve semplicemente nel suo perpetuo ripetersi tra strofe e ritornelli con piccoli svuotamenti a livello di arrangiamento per limitare l’effetto di appiattimento e abbozzando una sorta di distinzione tra le strofe ed i ritornelli.

Certo si può dire che interpreta il concetto di indie a pieno, cioè l’essere indipendente e quindi produrre qualcosa al di fuori dei palazzi o delle grandi etichette e, di fatti, ciò che ne viene fuori è un prodotto molto “garage” (se così si può dire).

Insomma in soldoni un prodotto che fa parte della schiera dell’amatoriale (e potrebbero uscire cose molto interessanti dal sottobosco musicale di ogni cultura).

In definitiva Fiori è un approccio che deve stimolare Teo gfo a proseguire nella sua ricerca e a spingersi sempre più verso l’alto.

Nel frattempo vi invitiamo ad ascoltare Fiori e a supportare questo giovane artista.

Link del video:
https://youtu.be/s2MWQ5coEOo

Web links:

https://open.spotify.com/artist/1yIUJ3EHvFa6gxw9UnLT2j

https://www.instagram.com/teo_gfo/

https://www.youtube.com/channel/UCJoc2AIvqHcRGT5fmWWDAKg

https://www.facebook.com/gu.fo.146/

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Di Shock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*