Dopo aver recensito Reborn, album del progetto musicale che porta il nome Detevilus project, lo abbiamo intervistato.

Matteo, tu sei noto come chitarrista dei Nekrosun, ma in questo tuo progetto solista hai un organico fisso, collabori con qualcuno? E sei l’unico che si occupa della stesura e dell’arrangiamento dei brani?

Attualmente mi occupo di ogni aspetto del progetto da solo, dalla composizione, ai testi, registrazioni, mixaggio e mastering (per quanto io sia assolutamente principiante in questo ultimo caso)… però in futuro ho già in mente di fare qualche collaborazione.

Parliamo di metal, in generale. Sorvolando sui numerosissimi quanto ridicoli luoghi comuni che circolano sul genere, tra i profani, ma anche tra quelli del settore… cosa dovrebbe avere una band metal per venir fuori? E’ una musica di atmosfera la cui evoluzione è ormai al capolinea o ci sono ancora degli elementi di innovazione che possono rifare il volto a questo genere musicale?

Cosa dovrebbe avere? A saperlo, ahahah!! Per il resto la musica, e non mi riferisco solo al metal, va di pari passo con la tecnologia, quindi è in continua evoluzione. Vedremo sicuramente il sorgere di nuovi generi, anche nel metal.

Nei tuoi brani sono presenti riferimenti e influenze molto eterogenee il che ci fa pensare che tu sia un grande conoscitore del genere. Quale è, o quale é stata secondo te la più grande differenza tra il metal nato negli States e quello venuto fuori nell’estremo nord d’Europa?

Non saprei rispondere di preciso a questa domanda in realtà. Penso solo che rispetto agli Usa, nel nord Europa il metal può essere visto più come una tradizione musicale, quasi un’istituzione. Basti pensare che nel 2012 è diventato oggetto di studio nell’università di Helsinki.

Quale é la strumentazione imprescindibile per ottenere dei suoni convincenti, sia in live che in studio? Tu cosa consiglieresti?

Non saprei, credo che alla fine si riduca tutto a una questione di gusti. Da parte mia, dopo anni ad usare ampli, cassa e svariati pedalini, sono passato una pedaliera multi-effetto, che fa anche da preampli. Potendo potenzialmente creare qualsiasi suono io desideri, non tornerei più indietro.

Il concerto metal e quello “non metal” che ti sono piaciuti di più in assoluto?

Concerto metal sicuramente uno qualsiasi dei Gojira a cui sono stato, ogni volta sono stati perfetti. Non metal quello di Caparezza a Milano a fine 2017.

Grazie e un grande in bocca al lupo per Detevilus project!

Grazie mille e grazie per lo spazio dedicatomi!

Web links di Detevilus project:

Facebook: https://www.facebook.com/detevilusproject/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC09UnXe4qL_Xzq7aouRJo2A

Instagram: https://www.instagram.com/detevilusproject/

Spotify: https://open.spotify.com/artist/3mjhD9zuIeAQsGne3Io6Wj

BandCamp: https://detevilusproject.bandcamp.com/

Apple Music: https://music.apple.com/it/artist/detevilus-project/1453487759

Amazon:
https://www.amazon.com/Detevilus-Project-Digital-Music/s?k=Detevilus+Project

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Di Shock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*